Il Touch of Passion (Tocco della Passione)

Nelle culture Tradizionali i momenti fondamentali della vita venivano accompagnati da Riti di Passaggio che permettevano di gestire a livello sia consapevole che energetico, tutte le trasformazioni che ogni “morte” della fase precedente poteva determinare.

Nascita, fine dell’Infanzia, Adolescenza, Sessualità, ingresso nella comunità degli adulti etc. fino alla morte fisica, ognuno di questi momenti era profondamente integrato nell’individuo.

Nelle culture Occidentali, purtroppo, tutto questo è andato quasi del tutto perduto: oggi Rito di Passaggio può essere la festa di Laurea, oppure prendere la patente, con il mutamento di status conseguente.

Per quanto riguarda in particolare la Passione e la Sessualità, accedere a questa sfera fondamentale della propria vita in maniera rituale e consapevole fa sì che ancor oggi, nelle sparute comunità matriarcali tuttora esistenti (quali Hopi in Arizona, aborigeni in Australia, etc.( il concetto stesso di trauma o perversione sessuale sia virtualmente inesistente. Il Rito di Passaggio alla sessualità , “Touch of Passion” (Rito della Passione) è stato ripreso e codificato negli anni ’90 dallo studioso americano Frank Natale come strumento per risvegliare il fluire dell’energia della Passione in ogni essere vivente. In conseguenza di questo risveglio un flusso naturale di energia inizia a vibrare in tutto il corpo, connettendo continuamente alla passione che cura ogni cosa, fonte della vitalità stessa.

L’obiettivo del rituale del “Touch of Passion” (T.O.P.) è duplice:

  1. riportare il corpo al suo stato energetico naturale, attraverso il libero fluire dell’energia orgasmica;
  2. usare la creatività e il potere della passione per guarire disturbi fisici ed emozionali.

Questo stato di unione è spesso detto estasi, ovvero ciò che noi definiamo l’esperienza della completezza. Questa condizione estatica è capace di guarire olisticamente l’individuo.

Per tutta la durata del rituale, il “T.O.P.” consente di entrare in una condizione di trance estatica, lasciandosi alle spalle le limitazioni del mondo tridimensionale. In una condizione alterata di coscienza, è possibile eliminare le alienazioni, la separazione, guarendo quei disturbi che si sono sviluppati a causa di shock o traumi vissuti in precedenza.

Nella prima parte del rituale il donatore fa assumere al corpo del ricevente diverse posizioni, ed entrambi si muovono al ritmo di tamburi sciamanici. Allo stesso tempo, le mani del donatore lavorano sul corpo del ricevente, liberando l’energia bloccata e trattenuta nei vari organi fisici ed energetici.

Il ritmo dei tamburi, la manipolazione e la respirazione conducono simultaneamente in trance sia il donatore che il ricevente. Sarà lo spirito e la capacità del donatore a guidarlo durante la trance, per liberare l’energia bloccata, fonte dei disturbi.

Nella seconda parte del rituale tale energia viene spinta in alto verso il cuore, connettendo l’energia genitale della sessualità con il cuore piuttosto che con la mente, nel fluire continuo della passione. Una volta raggiunto questo risultato, le parti negate e/o morte del corpo del ricevente vengono rienergizzate e riportate alla vita. Durante il “T.O.P.” il ricevente può liberare emozioni trattenute, esperienze, gioia, orgasmi e ricordi legati all’infanzia.

Il rituale termina lasciando il ricevente in uno stato di profonda trance vibrazionale, che lo riporterà dolcemente allo stato di consapevolezza ordinario, permettendogli però di continuare a sperimentare il libero fluire dell’energia orgasmica.

Nelle persone a cui ho avuto occasione di darlo od insegnarlo sono avvenuti cambiamenti profondi nel proprio rapporto con il proprio corpo, la propria mente e la propria consapevolezza; un’armatura millenaria di condizionamenti, senso di sporco e peccaminoso e sbagliato costruito da millenni di religioni patriarcali, si è alleggerito fino a dissolversi lasciando spazio all’energia del Cuore, troppo spesso dominata e soffocata dalla mente.

Per le prossime date

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *